Art. 1 Per “richiedente” si intende il soggetto che incarica la società Simfos Srl (d’ora innanzi denominata semplicemente la “società”) di svolgere il servizio descritto di seguito o di fungere da intermediaria per la prestazione del medesimo, di affidare la salvaguardia di tale interesse a un intermediario pertinente oppure di trovare una società che si occupi di salvaguardare uno dei succitati obiettivi.

 

Art. 2 Per poter stabilire con precisione il servizio da prestare nonché per evitare eventuali malintesi a livello linguistico o di contenuto si accordano le seguenti definizioni concettuali: per “accordo con il cliente” si intende il contratto stipulato tra cliente e società in cui si sanciscono tutte le condizioni di un servizio appositamente pattuito. Il servizio viene notificato al cliente anzitutto con un’offerta personalizzata. La società prepara totalmente il contratto e quindi lo consegna al cliente affinché questi lo firmi. La “richiesta” è il primo passo per ottenere un’offerta specifica. Per “elaborazione della richiesta” si intende l’accettazione della medesima, la ricerca dell’offerta più adeguata e la spedizione di quest’ultima al richiedente. Con il termine “offerta” si fa riferimento a una dichiarazione di volontà finalizzata alla stipula di un contratto. Per “accettazione” si intende l’atto di assenso vincolante rispetto alla succitata offerta. Per “registrazione” si intende l’atto di salvataggio dei dati relativi al cliente. Quando si dice che non avviene alcuna registrazione si intende l’esclusione del citato processo di memorizzazione. Per “contratto di risanamento finanziario” si intende il contratto che sancisce tutte le condizioni della liquidazione. Per “somma da liquidare” si intende l’importo complessivo di tutti i debiti contratti dal debitore nei confronti di tutti i rispettivi creditori. Per “liquidazione” si intende il processo preparativo delle trattative con i creditori e non equivale in nessun caso a una consulenza legale né a una concessione di prestito. La liquidazione o il risanamento finanziario avvengono tramite l’accettazione dell’importo complessivo e dei versamenti rateali ai creditori (in funzione dell’importo complessivo) per ottenere la conseguente estinzione. I versamenti effettuati ai creditori nell’ambito di un risanamento finanziario avvengono in base all’offerta specifica (espressa in Euro).

 

Art. 3 Gli esempi riportati mostrano senza garanzia dei calcoli di importi fissi a scadenza e costo fissi. Su richiesta scritta, si possono preparare altri esempi.

 

Art. 4 Il concetto di mandato si evince dalle precedenti descrizioni delle modalità di servizio ed equivale ad affidare la prestazione del servizio necessario a un intermediario, a un’altra società o alla società stessa. Tale dato verrà comunicato tramite apposito documento attestante l’accettazione dell’incarico, seguito dalla spedizione di appositi documenti attestanti la realizzazione del servizio. La società è autorizzata a vincolare la trasmissione del presente contratto di risanamento finanziario al pagamento dei crediti esistenti. In tal caso, il richiedente ne verrà informato per iscritto. Il richiedente non dovrà far pervenire alcuna conferma formale né informale. Effettuando il pagamento, il medesimo dichiara il proprio consenso nei confronti della prestazione, sia in quanto a importo che a portata.

 

Art. 5 Il richiedente garantisce che tutte le dichiarazioni rese nella rispettiva richiesta sono complete ed esatte. Qualsiasi inesattezza o falsità nelle medesime potrebbe provocare l’immediata risoluzione del mandato/accordo con il cliente. La decisione in merito spetta di volta in volta alla società o a uno dei rispettivi partner contrattuali. Qualora il richiedente dovesse essere in ritardo con il pagamento delle rate mensili, saremo costretti a sospendere contratto di risanamento finanziario. Se il richiedente non dovesse riprendere i versamenti entro 6 mesi, il risanamento finanziario si riterrà fallito. In tal caso, il richiedente non dovrà affrontare alcuna spesa aggiuntiva.

 

Art. 6 Il richiedente ha diritto a disdire in qualsiasi momento l’accordo stipulato con la società. In caso di disdetta, si estinguono tutti i diritti spettanti al richiedente in virtù di tale accordo. I diritti vantati dalla società nei confronti del richiedente rimangono invariati. Ciò vale soprattutto per i crediti menzionati nell’art. 4. A tal proposito, diventano così inefficaci le riscossioni forfettarie, per cui i diritti della società vengono legittimati tramite apposite distinte.

 

Art. 7 Il richiedente ha la possibilità di revocare l’accordo presso la società. In tal caso, l’accordo è fin da subito inefficace. Una revoca successiva verrà considerata come una disdetta, ai sensi di quanto pattuito all’art. 6, a meno che la società non la riconosca come tale per motivi di accondiscendenza, provvedendo a confermarlo per iscritto. In ogni caso, anche in presenza di violazione del requisito di forma, lo scritto si considererà una petizione ai sensi dell’art. 9.

 

Art. 8 La società è autorizzata a memorizzare internamente tutti i dati necessari per la gestione della richiesta corrispondente, nonché a trasmetterli alle società incaricate di raggiungere lo scopo di adempimento o espletare la funzione di intermediazione.

 

Art. 9 Non esistono accordi accessori orali.